domenica 17 novembre 2013

Una specie di indaco


Ero in un altro posto ...
Un altro mare, cupo
mi guardava e, quasi immoto, mi portava qui.
Giungeva un vago odore di salsedine, mai come quello vero
mai come quello di luglio.
Sentivo i ricordi bussare col  vento di mare.
Ti sentivo sfondare la mia  fragile porta
e  infine, per sentirti meglio accanto a me
ho scelto di sedermi su quella specie di indaco, preso dall'arcobaleno e messo in gondola
per cullare quel che mi è piovuto addosso...
acqua sull'acqua


14 commenti:

  1. Splendida…cosa dire di più?
    Cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Collimo con Cinzia. Belle parole e bella immagine.

      podi-.

      Elimina
  2. Meraviglioso scatto, pensiero meditativo.

    RispondiElimina
  3. come sempre splendidi versi, e foto perfetta!

    RispondiElimina
  4. Cinzia, Venezia è una buona isoprazione! Grazie della visita!

    RispondiElimina
  5. Grazie podi ed un abbraccio!

    RispondiElimina
  6. Anche a me piace questa foto ... appunto col cielo indaco e la tipica Venezia d'autunno, un po' opprimente ma assolutamente vera!! Ciao Manuela e grazie!

    RispondiElimina
  7. l'aria impregnata di salsedine ti rinvigorisce...che la mareggiata ti porti il salmastro in terra padana. Sempre.

    RispondiElimina
  8. Lo fa, Antonio ... sempre!!!

    RispondiElimina
  9. A dir poco sensazionale la tua foto ... mi piace tantissimo!!!!!!!!!!!!!
    Un abbraccio
    Cristiana

    RispondiElimina
  10. Cristiana, Venezia qualche volta è sorprendente...dalla nebbia può nascere un'idea, un'ispirazione....
    Abbraccio ricambiatissimo!!

    RispondiElimina
  11. Ciao Lalla, Venezia è sempre Venezia, bello il taglio delle barche

    RispondiElimina
  12. E' vero, Alberto ... la città d'acqua sorprende sempre!

    RispondiElimina