venerdì 4 aprile 2014

L'oblò


Arrivare alla fine di una storia
Ricordare, ma cosa?
La foga è passata
E’ chiaro ciò che è mancato, ciò che si è perso
Sono mancati i fiori, boccioli aperti e appassiti in una notte
troppo lontani, irraggiungibili
anche se non si vede il mare d'erba che c’è tra me e i petali rosati.
Ci sono le ortiche che mi hanno segnato caviglie e polpacci
o la rugiada che mi ha macchiato e inzuppato le scarpe.
E’ come sbirciare  da un oblò: sai che c’è tanto, lì fuori … ma tu sei al di qua
E col tempo perdi le forze
col tempo ti siedi sempre più spesso
 col tempo ti fermi, seduta, a guardare più avanti che indietro
ma senza intenzione di alzarti


( località Case Nuove  - tra San Donato e  San Giuliano Milanese )

4 commenti:

  1. Una bellissima immagine, Lalla, ma sento un pò di tristezza nelle tue parole.

    RispondiElimina
  2. L'importante è che la foto sia bella, Dany!!

    RispondiElimina
  3. Bel colpo d'occhio che evoca una stagione che spero arrivi prima possibile! Ciao, Arianna

    RispondiElimina
  4. La stagione è arrivata, Arianna, ma non ho capito se rimane .... a Pasqua è prevista pioggia e freddo ....

    RispondiElimina