giovedì 29 ottobre 2015

Autunno


Che bella, candida e spumosa nebbia ... un parco di città, 
che confina con orribili case anni sessanta
diventa  teatro della rappresentazione di un sogno 
dai colori spenti fuori e vivi dentro. 
La scenografia non c'è più, almeno quella reale! 
C'è solo il bianco dell'infinito, come in paradiso!
Manca solo una voce e la sua musica ...

( dedicata a Camillo Facchino, tenore, che ha condiviso con me l'anteprima di questa foto )


4 commenti:

  1. come sempre le tue foto sono molto profonde :)
    Complimenti

    RispondiElimina
  2. Bella foto molto delicata, ciao Lalla e buon fine settimana, Angelo.

    RispondiElimina